Corredo asilo nido: idee green per un corredino a misura di ambiente

19 Set

Settembre è mese di inizi anche per i nostri piccoli bimbi che si trovano ad affrontare la loro prima esperienza fuori casa: l’inserimento all’asilo!

Una delle cose a cui i genitori devono pensare per tempo è il corredo per l’asilo nido: cosa bisogna preparare, cosa serve ai nostri piccoli scolari? Ogni asilo nido ovviamente consegna ai genitori una lista di cose necessarie, che spesso variano a seconda della struttura. Per esempio ci sono asili che richiedono lenzuolini per la nanna e asili che li forniscono, asili che richiedono i bavaglini per la pappa e altri che li mettono a disposizione.
Alcune cose sono comuni e basilari e vanno preparate per tempo, senza farsi prendere da ansie o eccessive corse allo shopping: come sempre quando si tratta di bambini basta un po’ di inventiva e buon senso per avere corredini perfetti senza impazzire e magari strizzando l’occhio all’ambiente e al risparmio.  

Questa è una lista più o meno completa di quello che servirà o potrà essere richiesto dall’asilo:

  • calze antiscivolo,
  • abiti di ricambio e sacchetti per il cambio,
  • sacchetti per le cose sporche,
  • cambio intimo,
  • ciuccio e bicchiere o tazza,
  • asciugamano e bavaglino,
  • etichette.

Noi vi proponiamo qualche idea per un corredino che guardi al risparmio, energetico, ambientale ed economico.

    • Calze antiscivolo
      Considerando che il bimbo andrà all’asilo 5 giorni alla settimana (quando non sarà a casa ammalato, cosa molto probabile i primi tempi :-)), è utile rifornirsi di un buon numero di calzine antiscivolo, perché tendono a sporcarsi e non sempre è possibile lavarle rapidamente. Una soluzione alternativa e green, che permette di risparmiare lavaggi e acquisti è l’utilizzo di un paio di pantofoline o babbucce. Sono comode, calde per l’inverno e la suola permette il loro riutilizzo senza doverle cambiare e lavare dopo pochi giorni. In estate invece perché non lasciarli scalzi? Facilita l’esplorazione dell’ambiente, dona ai bimbi un senso di libertà e potenzia i muscoli della gambe.
    • Abiti di ricambio e sacchetti per il cambio
      Gli abiti devono essere pratici: i bimbi giocano, dormono, si sporcano e devono sentirsi comodi e liberi di farlo. Via libera quindi a tutine, magliette e felpe, preferibilmente in cotone o cotone felpato a seconda della stagione, evitando materiale acrilico.
      Il sacchetto per i cambi invece può essere riciclato o realizzato ad hoc utilizzando uno scampolino di stoffa avanzato… se si ha una macchina da cucire e un po’ di creatività è semplice, veloce ed economico.
    • Sacchetti per le cose sporche
      Evitiamo i sacchetti di plastica quando si può: sportine biodegradabili o sacchettini di carta da riutilizzare possono bastare per portare a casa dall’asilo i vestitini sporchi e buttarli poi direttamente nel cesto della biancheria.
    • Cambio intimo
      Per i bambini in età da asilo nido si dice intimo e si intende body. Inseparabili compagni di avventura, i body tengono al caldo schiena e pancino e aiutano a contenere il pannolino. Se non fate lavatrici tutti i giorni, vi serviranno parecchi body, in modo inversamente proporzionale all’età del bimbo: più il bambino è piccolo, più elevato è il numero di body da lasciare all’asilo e da utilizzare quotidianamente.
      Ma in questo caso ci pensa J BIMBI a farvi risparmiare: i nostri body monotaglia durano dalla nascita fino ai 3 anni. Ve ne serviranno comunque tanti, ma dureranno per tutti e tre gli anni del nido: sono economici perché comprerete meno body, ed ecologici perché producendone meno si ha un minor impatto ambientale.
    • Ciuccio, bicchiere e/o tazza
      Ogni bimbo deve avere con sé il suo ciuccio, se è abituato ad usarlo, magari con la sua catenella portaciuccio, in modo da riconoscerlo e non perderlo troppe volte. La catenella portaciuccio può essere fatta a mano (ci sono molti tutorial on line) oppure si può scegliere in legno, ecologica al 100%. Per quanto riguarda il biberon, noi di J BIMBI consigliamo sempre il vetro per i primi mesi, perché è il materiale migliore a contatto con i cibi ed è riciclabile al 100%. All’asilo ovviamente non è possibile portare biberon e bicchieri o tazze in vetro, in plastica andranno benissimo,  ma consigliamo di prestare sempre attenzione che siano privi di Bisfenolo A, PVC e Ftalati.
    • Asciugamano e bavaglino
      Se è semplice realizzare in casa un sacchettino porta abiti, ancora più semplice è realizzare e personalizzare un bavaglino o un asciugamano, partendo da materiali di riciclo come vecchi asciugamani o canovacci. E per il bavaglino anche una vecchia magliettina può trasformarsi in poche mosse.
    • Etichette
      Molti asili infine richiedono la personalizzazione del corredino attraverso l’applicazione di etichette con il nome del bimbo, La soluzione più pratica è l’etichetta termoadesiva da stirare direttamente sul tessuto. In commercio ne esistono di vario tipo, noi consigliamo di verificare che siano ipoallergeniche, testate per la pelle dei bambini e con colle e tinte senza solventi.

Buon inizio asilo “green” a tutti i bimbi e a tutti i genitori da parte di J BIMBI.