J BIMBI® My Hero

J BIMBI® a sostegno delle TIN (Terapie Intensive Neonatali), dei bimbi nati prematuri e dei loro genitori

Il progetto J BIMBI® My Hero sostiene le TIN – Terapie Intensive Neonatali – i bimbi nati pre-termine e i loro genitori.

Perché  My Hero? Perché i bimbi nati pre-termine sono quelli più fragili, che lottano con forze inimmaginabili per crescere e vincere la battaglia della vita. Loro sono i nostri piccoli eroi. E lo sono anche i genitori che li accompagnano con amore superando prove a cui non erano preparati. Ma non ci sarebbero questi eroi e le storie meravigliose che possono raccontare senza gli angeli delle TIN che si prendono cura dei bimbi e dei genitori.

J BIMBI® ha pensato al mondo delle TIN studiando, con la collaborazione degli operatori, un body molto speciale, il body J BIMBI® My Hero, che verrà donato a tutte le TIN interessate in Italia.

Inoltre My Hero è anche una vera e propria linea di prodotti dedicati alla cura dei bimbi pre-termine non solo in ospedale ma anche a casa:

  • i body J BIMBI® My Hero Home, specifici per i bimbi pre-termine da poter indossare anche dopo le dimissioni dal centro TIN.
  • i biberon J BIMBI®, grazie al bassissimo vuoto (quello che si crea all’interno del biberon), alla tettarella iper-morbida, alla cannula zero bolle (per prevenire le coliche) e alla bottiglia in vetro (ma disponibile anche in plastica) sono particolarmente indicato per i bimbi prematuri e vengono utilizzati con successo in tutto il mondo per nutrire i bimbi prematuri e con palatoschisi, quando non è possibile l’allattamento materno, che è sempre la prima opzione.

Scopri i prodotti della linea J BIMBI® My Hero, studiati appositamente per il benessere e la cura dei bimbi prematuri, i nostri piccoli grandi eroi!

BODY PER PREMATURI JBIMBI® MY HERO
DEDICATI ALLE TIN (TERAPIE INTENSIVE NEONATALI)

Grazie alla collaborazione con gli esperti delle TIN è nato il body J BIMBI® My Hero TIN, specifico per questi reparti.

Il body My Hero TIN si apre completamente per agevolare al massimo la vestizione e il cambio pannolino e nello stesso tempo offre un contenimento cutaneo che migliora la stabilità del bimbo pretermine.

È prodotto con Cotone Biologico estremamente morbido ed estensibile per favorire il gentle handling o assistenza coccolata, che richiede una manipolazione delicata e poco stressante per il bimbo.

Ha 6 punti di chiusura e apertura a strappo e non i bottoncini in metallo che non possono essere utilizzati con alcune apparecchiature diagnostiche come la risonanza magnetica. La vestibilità è facilitata anche in presenza di tubicini, fili e medicazioni.

È sicuro, privo di sostanze nocive e certificato OEKO-TEX®.

I body J BIMBI® My Hero Tin sono disponibili nelle taglie 0,4 -1 Kg per i bimbi piuma, e 1 – 2 Kg.

My Hero TIN non è solamente un body ma un mezzo per avvicinare e favorire la relazione genitori/bimbo. Vestire un bimbo e vederlo vestito rende tutto più normale donando speranza e forza ai genitori. My Hero TIN è caratterizzato da un inconfondibile e simpatico sorriso che dona speranza e positività anche in momenti difficili.

Il body JBIMBI My Hero TIN non è in vendita ma verrà donato a tutte le TIN che ne facessero richiesta in base ai loro fabbisogni.

SCOPRI GLI ALTRI PRODOTTI MY HERO

BODY PER PREMATURI
JBIMBI® MY HERO

BIBERON ANTICOLICHE E OTITI
J BIMBI® MY HERO

APPROFONDISCI IL MONDO MY HERO

1. I BIMBI PRE-TERMINE O PREMATURI

Il termine fisiologico della gravidanza è indicato in 40 settimane. I bimbi pre-termine sono quelli nati prima della 37° settimana di gestazione. Ogni anno in Italia nascono oltre 30.000 bambini prematuramente, circa il 7% delle nascite, e quasi l’1% gravemente pre-termine prima della 32° settimana di gestazione.

La tendenza di bimbi nati prematuramente è in aumento per molti fattori tra cui la fecondazione assistita. Questi bimbi nati prematuramente non sono pronti per vivere al di fuori del grembo materno, sono ancora in via di formazione, e quindi necessitano di cure e attenzioni speciali.

2. LE COMPLICANZE DEI BIMBI PRE-TERMINE

Le complicanze dei bimbi nati prematuramente sono diverse in base all’anticipo della nascita. Più è anticipata la nascita, più è immaturo nello sviluppo e quindi è maggiore il rischio di disfunzioni o patologie. I bimbi nati attorno alla 35°/ 36° settimana in genere non hanno molti problemi perché quasi al termine del loro percorso di crescita. I maggiori problemi sono legati alla difficoltà di suzione che si superano in poche settimane.

Quelli nati prima della 28° settimana sono quelli che necessitano di particolari attenzioni. I bimbi “piuma”, quelli sotto i 700 gr., sono i più fragili e quelli a maggior rischio.

3. L'ALLATTAMENTO DEI BIMBI PRE-TERMINE

Prima della 32°-33° settimana la suzione non è efficace così come la coordinazione della deglutizione. L’allattamento è consigliato dalla 34° settimana di età gestazionale. Il latte materno è il primo alimento anche per i bimbi pre-termine perché apporta benefici importanti per la sua crescita.

Il latte materno di una mamma che ha partorito prematuramente è diverso da quello di una mamma che ha partorito a termine perché offre, soprattutto nelle prime settimane, un contenuto proteico superiore. Per questo è importante stimolare il seno subito dopo il parto incominciando a spremere o a tirare il latte con un tiralatte.

Quando non è disponibile il latte della mamma è preferibile usare il latte donato (banche del latte) che, anche se meno ricco rispetto a quello “fresco” della mamma, è sempre un alimento prezioso per il bimbo.

In caso di ridotta disponibilità o assenza del latte materno verranno raccomandate formulazioni specifiche per pre-termine. È importante seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dal centro TIN e dal medico.

4. LA MARSUPIO TERAPIA O "KANGAROO MOTHER CARE"

Il contatto tra genitori e neonato è fondamentale per entrambi. Nei primi giorni avviene attraverso i gli oblò dell’incubatrice ma, non appena è possibile, può diventare “pelle-pelle” con la marsupio terapia o Kangaroo Mother Care.

Il bimbo nudo viene messo sul seno della mamma o sul petto del papà, a contatto con la pelle dei genitori. Questo semplicissimo gesto influenza positivamente il bimbo e crea un legame fortissimo con i genitori. Il contatto con la pelle riporta i bimbi pre-termine, alla sicurezza dell’utero.

La TIN - Terapia Intensiva Neonatale

I reparti TIN in Italia rappresentano un’eccellenza. In Italia il tasso di mortalità per i bimbi nati pre-termine, anche di peso inferiore ai 1.500 gr, è tra i più bassi nel mondo.

Il parto pre-termine è un parto a rischio e per garantire la maggiore assistenza e competenza dovrebbe essere eseguito in centri di ostetricia specializzati o di neonatologia dotati di TIN, Terapia Intensiva Neonatale. Quando la nascita pre-termine non è prevedibile, si raccomanda di trasportare la mamma nel centro specializzato più vicino o di farlo successivamente dopo un’adeguata stabilizzazione del bimbo.

I bimbi nati pre-termine non sono in grado di adattarsi autonomamente alla vita extrauterina e vanno adeguatamente assistiti nei centri TIN. La nascita pre-termine comporta per il bimbo un forzato adattamento a condizioni diverse rispetto alla pancia della mamma quali:

  • un ambiente fisico diverso in cui muoversi e respirare, non acquoso;
  • il peso della forza di gravità che è 3 volte superiore;
  • la mancanza di contenimento offerta prima dall’utero.

I centri TIN sono dotati di incubatrici che riproducono artificialmente il micro-ambiente della vita intrauterina come il giusto grado di ossigenazione, di temperatura, di umidità e confort.

I centri TIN sono preparati per fornire ad ogni bimbo cure personalizzate e individuali, perché ogni bimbo è diverso … e lo sono anche il loro genitori. Per bimbi nati pretermine e le loro famiglie la TIN diventa la propria casa.

Grande attenzione viene riservata all’umanizzazione delle cure con ambienti che proteggano la fragilità sensoriale del neonato, che riducano lo stress e che permettano il coinvolgimento dei genitori.

I genitori devono stare con il proprio bimbo senza limitazione di tempo e le mamme devono poter avere un contatto continuo non solo per favorire l’allattamento al seno, ma anche per lo sviluppo del neonato e il consolidamento del rapporto tra mamma e figlio.